Gesti gentili

Ciao TU,

ti stai preparando a festeggiare il Natale con le persone a te importanti? O meglio con alcune delle persone a te importanti, perchA? io non ci sarA? …e sA�, purtroppo non siamo riusciti ad organizzarci e alla fine, a malincuore, hai deciso di passare questa festivitA� con altre persone… io avrei organizzato lo stesso, ma tu decisa hai detto che non era piA? possibile, penso tu l’abbia fatto per non sfidare il destino…caspita il destino ci A? sempre avverso! Trova sempre qualche motivo per remare contro di noi e allontanare quel momento in cui potremo manifestare liberamente e a chiunque il nostro amore…hummmmm ehy tu, ma mi ricorderesti un attimo cos’A? che ci impedisce di farlo ora? Sai sono un tipo distratto e a volte mi dimentico le cose…

L’altro giorno stavo pensando come deve essere anche difficile per te tenere a bada tutti gli spasimanti che ti circondano…A? normale per una ragazza stupenda come te, avere tanti corteggiatori, purtroppo alcuni piA? insistenti di altri e magari anche poco graditi, ma, da quello che mi racconti, sei riuscita sempre a tenerli a bada, in modo gentile ed educato, ma estremamente deciso, che non poteva essere frainteso da nessuno: Inviti non rivolti a persone, estrema riservatezza con loro, anche freddezza a volte e comunque un’estrema chiarezza nelle frasi, anche a costo, nei casi piA? difficili, di fare male. Cavolo, ti eri accorta che A? lo stesso modo in cui ti rivolgi a me? heheh certo che riesci a nascondere i tuoi sentimenti davvero bene, nessuno crederebbe mai che, come cantava un tizio, “siamo due legati dentro da un amore che ci da, la profonda convinzione che nessuno ci dividerA�”…e poi, piA? importanti di tutti sono i gesti, dolci e gentili sempre da parte di entrambi. Ricordi per esempio quando ti ho preparato l’ufficio con candele, due calici di buio e la musica di sottofondo per rilassarti? E quando ti ho comprato quell’aggeggio per scaldarti le mani? Le hai sempre fredde…penso che fosse per evitare di congelare le mie che non volevi che te le scaldassi appunto fra le mie…che cara! E quando ti ho regalato l’anello? E le rose? hehehe ho disboscato interi roseti per te 🙂 e poi i viaggi, tu dormivi nel sedile posteriore o affianco a me, e io ti portavo dovunque tu avessi voluto…A? piA? forte di me, non posso fare a meno di accontentarti e di fare di tutto per renderti felice. Un po’ come fai tu con me, quando per esempio…..cioA?….quella volta che….insomma… ecco, per esempio quando mi definisci bidello quando vengo a portarti il caffA? dal bar il pomeriggio! O quando mi chiami con tutti quei nomignoli affettuosi: stalker, heavy man, mdp, gcc, idiota, rompi palle, pesante….insomma quando non puoi fare a meno di mostrare il tuo fortissimo sentimento nei miei confronti con gesti e parole…un qualcosa che abbiamo di spontaneo entrambi.

Ti adoro

IO

8 Dicembre 2014

Ciao TU,

oggi A? una data davvero importante, pensavi me ne fossi dimenticato? Ma come potrei….sono passati due mesi da quel giorno sulla lady-era pills panchina e da allora i nostri sentimenti non sono mutati minimamente! CosA� come allora ci amiamo pazzamente…sA� ok, come al solito non lo dimostriamo agli altri, ma noi sappiamo in realtA� cosa proviamo l’uno per l’altro! O meglio, come al solito, io non ho problemi a dirlo a chiunque, mentre tu cerchi sempre di nasconderlo…non capisco comunque perchA? ancora sia necessaria tutta questa riservatezza….anche se comincio a credere che tu forse segua una fede che impedisce ai propri seguaci di mostrare pubblicamente i propri sentimenti pena la scomunica a vita….e allora sA� che tutto sarebbe piA? giustificato, tesoro mio non vorrei mai potessi incorrere nelle ire di qualche divinitA� allergica all’amore! Si giustificherebbe cosA� anche il fatto che oggi, giornata cosA� importante per noi, non stiamo festeggiando insieme, ma io sto lavorando davanti al pc, mentre tu festeggi, non so bene con chi, una qualche altra ricorrenza secondaria. Ma me l’avevi detto anche ieri quando ci siamo salutati dopo che ti avevo riaccompagnato a casa al rientro dal viaggio di lavoro, quando ti avevo chiesto quando ci saremo rivisti tu hai risposto immediatamente “MartedA�!”, probabilmente c’era qualche adepto della tua fede nelle vicinanze e io, stupidamente, stavo per farti correre un rischio grandissimo! Potrai mai perdonarmi? D’ora in poi cercherA? di non chiederti mai piA? cose del genere…..non fosse mai che qualcuno, osservando la dolcezza con la quale mi osservi mentre parlo, l’amore che dai tuoi gesti si evince, il romanticismo che pervade ogni tua parola rivolta a me, potesse capire il forte legame che ci lega. Anche se, ad essere sinceri, tu sei davvero brava e non fai trasparire niente, se non sapessi del contrario, riusciresti ad ingannare anche me!

Allora stupenda TUA�che altro dirti? Ti auguro una bellissima giornata e ti auguro tutto il bene che tu vorrai per il nostro futuro e anche per quest’altra festicciola che casualmente cade oggi…io…bhA? io non posso che ritenermi fortunato ad averti incontrato e ringrazio ogni giorno il Buon Dio per averti messo sullaA�mia strada, sA� la mia vita da quel giorno tende un po’ piA? verso l’insanitA� mentale, ma che divertimento ci sarebbe se non fossimo tutti un po’ piA? pazzi? Devo ringraziarti quindi anche per questo!

Ti adoro veramente tanto, e se non fosse cosA� rischioso per te, ti direi anche che ti amo, ma eviterA? di metterti nei casini e ti saluterA? cosA� come fai tu per nascondere, ad occhi indiscreti, ciA? che di cosA� bello c’A? fra di noi.

Ciao TU! como comprar cialis sin receta

La ricerca del contatto

Nella nostra storia, il contatto A? sempre stato fondamentale! Si, ok, a volte avevamo le idee un po’ confuse, a volte mi abbracciavi e io pensavo “chissA� cosa vuole questa da me” e andavo a controllare se il portafoglio era ancora in tasca…sai vengo da un quartiere un po’ strano, poi sono stato io ad abbracciarti e tu che fingevi di allontanarti, di fareA�resistenza…sai quelle cose del tipo tira e molla, per aumentare il desiderio…ok, qualche volta mi allontanavi con il cacciavite in mano, ma lo facevi per giocare,come quella volta che con lo stecchino mi hai tatuato il tuo amore sulla mano, solo che, non avertene a male, non A? che sei molto brava col disegno, e ti A? semplicemente uscita fuori un’imitazione del morbillo con tanti puntini rossi ma che io, ne sono sicuro, volevano rappresentare un cuore!

Ricordi quando ancora non ci eravamo seduti su quella panchina e ti avevo confessato quello che provavo per te lady era pills ? Quante volte cercavi il contatto con me? E io, stupidamente non capivo, ma come posso essere stato cosA� idiota? Fortuna che poi me l’hai spiegato che era un gesto d’affetto, quando mi davi i pugni sull’avambraccio, beccando il muscolo e causandomi quel piacevolissimo blocco dell’arto. O quanto amore c’era quando mi davi cazzotti sul petto, o sul quadricipite femorale….come ho potuto non accorgermi di tutto questo, come sono potuto essere cosA� cieco? E ricordi la volta che ti ho preso in braccio? Ti avevo messo sulle spalle e ti avevo portato fuori: quanto ci siamo divertiti….e poi quando ti avevo fatto scendere tu, non paga ancora, hai cercato il contatto e con il tuo ginocchio sei arrivata a sbrindellarmi i gioielli di famiglia… ma quanto amore c’era in quel gesto! Chi ci vedeva dall’esterno poteva immaginare che quasi non ci sopportassimo e invece era amore allo stato puro.

Ora non ci cerchiamo tanto come allora, forse il nostro sentimento contrastato A? in una fase di stallo, ma stai sicura che farA? di tutto per tenerlo sempre vivo, perchA? mai rinuncerei alle tue dolcissime attenzioni e all’emozione che solo tu sai provocarmi quando, con tutta la tua dolcezza, posi il tuo pugno sulle parti molli del mio corpicino.

Ti adoro, dolcissima TU!